C4 Comic – Recensione di Irene

di Pietro Badiali

…la sottile linea del destino che divide due persone è più forte di ogni tipo di ostacolo, materiale o temporale. La vicenda ha tratti caratteristici del racconto a sfondo sentimentale della produzione filmica e letteraria, lasciando il lettore con una storia che potrebbe creare immediata empatia o emozione per il suo comune svolgimento. Il tutto viene arricchito da un comparto grafico di buon livello, capace di giostrare una variegata gamma di stili ed invenzioni.

In definitiva Irene è il biglietto da visita per un autore in continua crescita, capace di stupire in tempi non sospetti con lo sperimentalismo di Vita ed ora di coinvolgere un’altra fetta di pubblico con questa piccola favola metropolitana.

Continua… C4 Comic

Lo Spazio Bianco – La brevisione

Di Emilio Cirri

Simone Prisco torna a raccontare una vicenda personale in maniera delicata e emotivamente coinvolgente, quella di un amore nato sotto il sole estivo e che ogni lettore, prima o dopo, ha vissuto nella propria vita.(…) La naturalezza è il punto di forza della storia, creando un profondo legame empatico, anche se i personaggi e le situazioni sono più evocati che definiti.
Anche lo stile del segno esalta questa sensazione: i corpi sembrano privi di volume, nonostante il tratteggio, i volti sono definiti con pochi tratti, pur mantenendo la loro espressività.

Continua: Lo Spazio Bianco

Badcomics – Da Vita a Irene

Di Pasquale Gennarelli

Vita nasce in maniera molto particolare. In metropolitana, nel tragitto che facevo da casa per andare a insegnare a Napoli. Quando avevo il privilegio di trovare un posto a sedere mi mettevo con il mio Moleskine e iniziavo a fare degli schizzi che, inizialmente, erano pensati per un ciclo di incisioni, di acqueforti su rame. In questo periodo mia nonna già non stava bene, sapevamo che a breve sarebbe morta, e quindi questo ciclo intitolato Vita voleva essere un omaggio alla sua ispirazione. Man mano che andavo avanti in questa fase mi sono reso conto che i bozzetti prendevano corpo, quasi come uno storyboard. Un giorno decisi di provarli a colorare digitalmente e il risultato mi è piaciuto tanto…

Continua: Badcomics.it

Grammatura – Recensione di Irene

di Giuseppe Sanseverino

Herman Hesse una volta disse: “Come corpo ognuno è singolo, come anima mai”. L’ultima opera di Simone Prisco, Irene, può essere considerata la prova definitiva. Una dichiarazione d’amore sconfinato, radicata nel destino silenzioso di due bambini che, ventotto anni fa, si incontrarono in riva al mare per giocare insieme. Sfogliando le pagine, non si può restare indifferenti all’intima dolcezza che caratterizza l’ulteriore tassello di Vita che l’artista ci presenta. Senza risparmiarsi, ha miscelato l’essenza dei vividi ricordi della propria adolescenza a quelli d’infanzia di sua moglie (sensibilmente legati alle granitiche pagine di un diario segreto). In realtà, l’intero graphic novel è un mosaico di eventi reali e di pura fantasia…

Continua: Grammatura

BGeek, Vita – Recensione

Di Pasquale Gennarelli

Le singole tavole molto spesso potrebbero funzionare anche da sole, come dei dipinti, estrapolate dal contesto mantengono inalterata la stessa tensione emotiva, la stessa forza espressiva. Il pennello dell’artista è fortemente influenzata da artisti post-impressionisti come Paul Gauguin, da cui attinge la capacità di sintesi e di colore, o simbolisti come Gustave Klimt e quasi maniacale è la cura e l’attenzione riposta in ogni illustrazione. I colori puri vengono tratti come superfici e le campiture piatte, prive di modellato e ombre, rappresentano un tratto caratterizzante dell’arte di Prisco. I suoi raffinati disegni si fanno portavoce dell’incertezza e del dolore della vita che raccontano, accentuando la tragica dimensione esistenziale e storica nella quale si verificano i fatti.

Continua: BGeek

Honda The power of the dreams

Era il lontano 2007, da poco mi ero messo a lavorare al computer, tutto nasce da qui. Grazie Michele D’Auria! Per chi non lo conoscesse vale la pena perdere 10 minuti 🙂

Rendere onore ad un mito come Soichiro Honda attraverso uno short-film d’animazione in puro stile manga è un idea geniale. La storia, raccontata idealmente da Takeo Fujisawa, amico d’infanzia di Soichiro e co-fondatore della Honda Motor Co., prende spunto da un sogno, divenuto poi realtà con la creazione della prima moto Honda, la Dream type A.

C4 Comic

L’avventura di una vita

Di Andrea Cattani

Ci sono dei momenti nel corso di una vita che ti segnano e le decisioni che prendi in quei momenti, indirizzano la tua esistenza e quella di tutte le persone che ti stanno vicino. L’unica ragione per cui questa cosa non ci terrorizza, è che per la maggior parte del tempo non ci pensiamo. Vita, di Simone Prisco edito dalla Douglas Edizioni, è abbastanza lontano dalla forma classica del fumetto e se questa sia una caratteristica positiva o negativa dipende dal lettore. I 65 dipinti raccontano la storia di una donna, dalla sua nascita alla morte, e vanno realizzare un intenso omaggio dell’autore…

Continua: C4 Comics

Dailybaloon

Vita, vita, e ancora vita

Di Matteo KingKazuma Gaspari

Arrivato alla fine delle 65 pagine che compongono il volume ero senza parole e senza fiato. L’ho immediatamente riletto una seconda e una terza volta, cosa che non mi capita spesso. All’inizio Vita sembra una raccolta di racconti, una serie di piccoli episodi di vita vissuta di quelli che ognuno di noi ha sepolti nella memoria. Tuttavia già a metà del volume si comincia ad intravedere il filo rosso che lega ogni capitolo, fino al finale in cui tutto diventa chiaro. E sarà inevitabile provare il desiderio di ricominciare daccapo, di rivedere ogni pagina sotto la nuova luce e di stupirsi per quel dettaglio che sembrava irrilevante e invece no.

Continua: Dailybaloon

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: