Di Pasquale Gennarelli

Le singole tavole molto spesso potrebbero funzionare anche da sole, come dei dipinti, estrapolate dal contesto mantengono inalterata la stessa tensione emotiva, la stessa forza espressiva. Il pennello dell’artista è fortemente influenzata da artisti post-impressionisti come Paul Gauguin, da cui attinge la capacità di sintesi e di colore, o simbolisti come Gustave Klimt e quasi maniacale è la cura e l’attenzione riposta in ogni illustrazione. I colori puri vengono tratti come superfici e le campiture piatte, prive di modellato e ombre, rappresentano un tratto caratterizzante dell’arte di Prisco. I suoi raffinati disegni si fanno portavoce dell’incertezza e del dolore della vita che raccontano, accentuando la tragica dimensione esistenziale e storica nella quale si verificano i fatti.

Continua: BGeek

Annunci